A Saluzzo torna l’Uvernada

29/30/31 ottobre 2021

Occit’amo Festival, anche nella seconda estate caratterizzata dalle restrizioni dovute alla pandemia, ha saputo andare alle sue origini per superare l’empasse “Covid-19” e raccontare le genti occitane con oltre 45 appuntamenti, tra musica, parole e regole di distanziamento sociale, incontrando oltre 6000 persone, portando “intorno” al palco decine di operatori dello spettacolo che hanno potuto fare il loro lavoro. Ora è la volta della chiosa autunnale, quell’Uvernada che per la quinta volta consecutiva ritorna a Saluzzo portando con se le vallate e la musica della tradizione.

Una nuova versione, un’invasione degli spazi medievali della Città alta, delle vie del centro, portando la musica antica, l’innovazione, la liuteria, la festa e l’incontro nelle strade del Marchesato.

Oltre 10 appuntamenti in tre giorni attraverso i quali conoscere le sonorità delle Terre del Monviso e viaggiare oltre, oltre le montagne, in cerca di ciò che ci accomuna.

Lou Dalfin, Massimo Giuntini e Martino Vacca, Pascal Chambriard e Philip Marmy, la liuteria di Monsieur Boudet, Jean Paul Faraut e il suo seguito di flauti nizzardi, Bataclan, Orange Jug, Teres Aoutes String Band, Lou Pitakass, ancora, cornamuse, galobet, violini ed organetti saranno tutti protagonisti in una lunga domenica negli spazi cittadini. Non mancherà una Mostra Mercato di liuteria e artigianato sotto la bellissima Ala di ferro, momento per raccontare la cultura delle vallate alpine attraverso l’arte dell’intaglio e la maestria nella costruzione di antichi strumenti..

La formula: un fine settimana per conoscere le Terre del Monviso

Uvernada quest’anno si chiude con San Martino e con l’ultimo weekend di ottobre. Ecco così che il Festival potrà essere occasione per una gita nelle Terre del Monviso. 

Musei di Saluzzo – Antico Palazzo Comunale, Pinacoteca, Torre Civica, Casa Pellico, Castiglia, Museo Civico Casa Cavassa -, gli agriturismi del territorio, le locande delle vallate circostanti per brevi gite fuori porta… aspettando la musica. 

Coloro che sceglieranno questa meta ai piedi del Monviso non avranno soltanto musica serale, ma potranno godere di un pacchetto che include il buon cibo della tradizione occitana in decine di osterie e ristoranti, il territorio con escursioni nelle vicine vallate o nella pianura con i suoi centri storici, le bellezze architettoniche che narrano gli antichi fasti della Capitale del Marchesato e la storia medievale (dall’Abbazia di Staffarda al Monastero di S. Maria della Stella a Rifreddo).

Grazie alla collaborazione con gli esercenti saluzzesi una serie di proposte adatte a ogni palato.


Saluzzo Monviso 2024: la sfida delle Terre del Monviso

Uvernada quest’anno rientra a pieno titolo in un tratto di strada che il territorio delle Terre del Monviso sta facendo insieme, e cioè la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2024. Per la prima volta un territorio si candida unitamente, quel territorio che è porta occidentale della grande regione occitana, quel territorio che si propone come porta verso altre culture, come cerniera tra le genti. E Uvernada è il momento autunnale di ritrovo delle genti che giungono da terre diverse, un saluto alla stagione appena trascorsa e un arrivederci al nuovo anno di musiche e danze. La musica, ma anche la tradizione dei liutai, l’antica arte della coltelleria, l’artigianato nelle sue diverse forme, tutti elementi di una cultura che si narra e offre occasione di incontro e festa.


A REGOLA D’ARTE – Saranno osservate tutte le misure di sicurezza richieste. A ogni evento si potrà partecipare solamente se in possesso del Green Pass.


Clicca qui per più info e per prenotare la tua Uvernada

Visit Saluzzo

Visit Saluzzo è il punto di riferimento per scoprire Saluzzo e i suoi dintorni: arte, cultura, enogastronomia ed eventi ai piedi del Monviso.

Chat!
Chatta con l'ufficio del Turismo Saluzzo