Il sito visitsaluzzo.it è online in versione Beta! Hai consigli e feedback su come migliorarlo? Scrivici in chat o a info@visitsaluzzo.it

Ramassin della Valle Bronda

Il Ramassin, chiamato anche dalmasin o darmasin è una tipicità tutta saluzzese, conosciuto fuori dal Piemonte soltanto dai gourmet.  E’una piccola susina blu-violetta dalla polpa morbida e carnosa. La buccia è sottile come una pellicola, il profumo è intenso e il sapore è dolcissimo.

È presidio Slow-Food.

Il termine è dialettale e traduce il nome della varietà cosiddetta damaschina, che si rifà a sua volta alla città siriana di Damasco, località originaria di coltivazione. La coltivazione è talmente antica che non esiste alcuna documentazione specifica in merito, tranne alcune testimonianze negli archivi comunali del saluzzese. Qui, in particolare nella valle Bronda, sono coltivati i ramassin più buoni. Il microclima particolare e i terreni collinari al di sopra dei 500 metri di altitudine, straordinariamente vocati, garantiscono ogni anno un raccolto eccellente.

La raccolta viene effettuata ai primi di luglio, quando i frutti – molto delicati – sono giunti a maturazione. Si fanno cadere i frutti a terra o su reti sospese che impediscono il contatto violento con il terreno. I frutti sono infatti delicatissimi e potrebbero danneggiarsi e deperire in poche ore.

Questa susina è buona fresca, ma è ottima anche essiccata, trasformata in confettura, oppure cotta e conservata per l’inverno in barattoli di vetro.

Un consiglio: se si trova sulla buccia dei frutti una patina chiara che assomiglia ad un sottile strato di polvere, non bisogna spaventarsi, anzi! È la cosiddetta “fiur” o pruina, che naturalmente si trova all’esterno dei frutti maturi sulla pianta, ed è sinonimo di freschezza!

Visit Saluzzo

Visit Saluzzo è il punto di riferimento per scoprire Saluzzo e i suoi dintorni: arte, cultura, enogastronomia ed eventi ai piedi del Monviso.

Chat!
Chatta con l'ufficio del Turismo Saluzzo